La situazione infrastrutturale del calcio italiano

Abodi, presidente del Credito Sportivo italiano, parla di 2 mld di euro di investimento, per recuperare il gap infrastrutturale del calcio italiano rispetto a quello europeo. Malagò parla di Euro2028 come occasione per ristrutturare finalmente gli stadi italiani. Calcio da dietro, invece, si prende la briga di farvi un sunto in ordine alfabetico sulla situazione degli impianti della Serie A, tra presente e futuro:

✓Atalanta: Ad Ottobre 2017 il Comune di Bergamo aveva ceduto l’Atleti Azzurri d’Italia al club di Percassi per 8,4 mln di euro. Ad Ottobre 2018 il Consiglio comunale ha dato il via libera per l’inizio lavori, che partiranno dopo la fine del campionato. Prima la Curva Nord, poi la Sud, per uno stadio all’avanguardia che conterà 24 mila posti a sedere;
✓Bologna: Le ultime notizie sulla ristrutturazione del Dall’Ara risalgono a settembre. Saputo e Merola (sindaco della città) si sono incontrati per stabilire una data massima di inizio lavori (2020, dopo la fine degli Europei Under21), per un impianto che, oltre ai vincoli della Soprintendenza (le due tribune), dovrebbe contare 29500 posti a sedere. Intanto sono state seggiolate entrambe le curve;

✓Cagliari: L’inizio lavori non è stato definito e la situazione stadio è ferma alla scelta del progetto Sportium, presentato come rendering vincitore nel Febbraio scorso;
✓Chievo: nessun progetto in essere. Soltanto un’interessamento, condiviso con l’Hellas, per uno nuovo Stadio Bentegodi;
✓Empoli: il club di Corsi ha sottoscritto poco più di una settimana fa l’accordo di una settimana fa con la Pessina costruzione, per la costruzione del nuovo Castellani sulle ceneri del vecchio. 20 mila posti in project financing, che attendono che la domanda sia presentata in Comune nel più breve tempo possibile;
✓Fiorentina: Della Valle si è affidato ad un comunicato stampa recentissimo societario, per assicurare che entro 6 mesi verrà presentato il progetto definitivo dello stadio. Si aspetta la variante urbanistica dell’area Mercafir da Novoli, che dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno secondo le promesse del sindaco Bardella;
✓Frosinone: il club ed il comune attendono da quasi un anno l’ok della Regione per i lavori della strada, che dovrebbe collegare il settore ospiti e le future strutture ricettive adiacenti allo stadio;
✓Genoa: L’Agenzia del territorio ha fissato in 18 mln di euro il valore del Ferraris. L’iter per un restyling (che il club indica in 30 mln di euro) è fermo alla stesura del bando di acquisto;
✓Inter: Si va verso una richiesta al Comune di concessione per 99 anni dello stadio San Siro. La gestione dovrebbe essere condivisa con i cugini rossoneri;
✓Juventus: stadio completato;
✓Lazio: nessun progetto all’orizzonte;
✓Milan: si veda Inter;
✓Napoli: nonostante le minacce di De Laurentiis, nessuna alternativa rispetto al San Paolo, che sarà parzialmente ristrutturato nei sediolini e nei bagni, per le Universiadi dell’estate prossima. Nel mentre si tratta per una concessione di 20/30 anni a favore del Napoli;
✓Parma: sediolini nelle curve, nuovo manto erboso e Var per il Tardini. Il Parma in estate ha deciso di adeguare il proprio stadio agli standard della Serie A, con un contributo di 1 mln di euro;
✓Roma: nuovo stadio dove? Tutto fermo con lo scandalo di Roma Capitale. Pallotta intanto ha fissato la deadline per il Comune al 30 dicembre;
✓Sampdoria: si veda Genoa;
✓Sassuolo: dopo la seggiolatura delle curve di due stagioni fa, si pensa in un futuro prossimo di unire le curve e le tribune, con la copertura totale delle prime;
✓Spal: completamento delle opere funzionali al nuovo impianto, completato e ristrutturato da poco più di un mese;
✓Torino: nessuna novità all’orizzonte;
✓Udinese: nuovo manto erboso, Macron store all’interno dell’impianto e completamento del piazzale esterno alla Dacia Arena.

Precedente Il nuovo CSKA Mosca dei giovani Successivo Cinque calciatori europei da tenere d'occhio